Skip to main content

L’User Experience (UX) Design, o come diremmo in italiano “progettazione dell’esperienza utente”, è il processo che vede come suo centro il piacere fornito nell’interazione tra cliente e prodotto o servizio. Il suo scopo è quello di aumentare la soddisfazione e la fedeltà del cliente migliorando alcuni aspetti come l’usabilità e la facilità d’uso.

Cos’è la user experience design?

In breve, UX Design si concentra sull’aspetto emotivo e intuitivo dell’interazione tra l’utente e il prodotto digitale, mirando a soddisfare le esigenze, le aspettative e i desideri degli utenti attraverso un design intuitivo, funzionale e piacevole.

Il termine User Experience è stato introdotto negli anni ’90 da Donald Norman, professore e ricercatore di design.

«Ho inventato il termine perché pensavo che i termini User Interface e Usability fossero troppo stretti. Volevo coprire tutti gli aspetti della persona che si interfaccia con il sistema, incluso il design industriale, l’interfaccia, l’interazione fisica e manuale. Da allora il termine si è diffuso ampiamente, tanto da rischiare di perdere significato.»

(Donald Norman)

Gli aspetti principali della UX Design?

  1. Usabilità:  riguarda la facilità con cui gli utenti possono interagire con il prodotto digitale e completare le loro attività in modo efficiente. In modo tale da ridurre la frustrazione degli utenti.
  2. Accessibilità: Riguarda la possibilità di poter usare il sito e l’interfaccia da parte di persone con disabilità o in generale difficoltà visive, uditive e motorie. Un design vincente tiene conto delle esperienze delle esigenze di tutti i clienti per essere il più inclusivo possibile.
  3. Utilità: La utilità si riferisce alla capacità del prodotto digitale di soddisfare le esigenze e risolvere i problemi degli utenti. Un buon design si basa sulla comprensione approfondita delle esigenze degli utenti e offre soluzioni efficaci e pertinenti.
  4. Desiderabilità: La desiderabilità si basa sulla capacità del prodotto di suscitare emozioni positive nei consumatori, sia a livello estetico che sensoriale. Infatti,  Un design che è piacevole alla vista e al tatto può aumentare l’attrattività del prodotto e l’engagement degli utenti. Allo stesso tempo i valori e le emozioni suscitate dal prodotto possono migliorare l’engagement con il cliente.
  5. Flusso e struttura dell’informazione: Il flusso e la struttura dell’informazione si riferiscono alla organizzazione e alla presentazione dei contenuti all’interno del prodotto digitale, che influenzano la facilità con cui gli utenti possono trovare e navigare tra le informazioni.

Le fasi del processo di UX Design

  1. Ricerca e Analisi: Questa fase iniziale prevede ricerche approfondite sugli utenti, in modo da comprendere le loro abitudini, interessi e i loro comportamenti. Per questo motivo in questa fase, vengono condotte ricerche approfondite. In questa fase si sottopongono sondaggi agli utenti, si fanno delle interviste, si analizzano delle banche dati e si fanno delle ricerche di mercato. L’obiettivo è ottenere una comprensione approfondita del contesto in cui il prodotto verrà utilizzato.
  2. Definizione dei Requisiti: Una volta aver analizzato i dati fuoriusciti nella fase precedente, si definiscono i requisiti del prodotto, per raggiungere gli obiettivi di business desiderati, ma allo stesso tempo soddisfare le aspettative dei clienti. Questi requisiti forniscono una guida per il processo di progettazione.
  3. Progettazione Concettuale: Durante questa fase, tendendo conto dei requisiti scelti, vengono generate idee e concetti per il design del prodotto. Questo può includere la creazione di wireframe, prototipi a bassa fedeltà e mappe del flusso utente per visualizzare le possibili soluzioni e le interazioni dell’utente con il prodotto.
  4. Progettazione Dettagliata: Una volta selezionati i concetti migliori, si passa alla progettazione dettagliata delle interfacce utente e delle interazioni. Questo può includere la creazione di mockup e prototipi ad alta fedeltà che mostrano il design visivo e l’esperienza utente finale.
  5. Sviluppo e Implementazione: In questa fase, il design viene tradotto in codice e il prodotto viene sviluppato. Durante questo processo, è importante mantenere una comunicazione stretta tra i designer e gli sviluppatori per garantire che il design sia implementato correttamente e che l’esperienza utente sia mantenuta.
  6. Test e Valutazione: Una volta che il prodotto è stato sviluppato, vengono condotti test con gli utenti per valutare l’usabilità e l’efficacia del design. Questi test possono includere sessioni di test utente, analisi dell’usabilità e feedback dei clienti. Le informazioni raccolte vengono quindi utilizzate per identificare eventuali problemi e iterare sul design.
  7. Iterazione e Ottimizzazione: Basandosi sui risultati dei test e sul feedback degli utenti, il design viene iterato e ottimizzato per migliorare continuamente l’esperienza utente. Questo processo può essere ciclico, con iterazioni multiple per raffinare e perfezionare il design nel tempo.

Queste fasi non sono necessariamente lineari e possono sovrapporsi o essere ripetute in diverse fasi del processo, in base alle esigenze specifiche del progetto e alle scoperte fatte durante il processo di progettazione.

I vantaggi di una buona UX Design

La costruzione di una buona user experience ha molti vantaggi, considerando che oggi la maggior parte degli acquisti vengono fatti online.

I vantaggi di avere un’ottima esperienza utente possono essere:

  • Riduzione della frustrazione delle persone che usano il prodotto.
  • Aumento della fiducia nei confronti del brand.
  • Aumento della probabilità che le persone raccomandino il prodotto ad altri.
  • Riduzione del numero di richieste di supporto.
  • Aumento della soddisfazione dei clienti

Chi si occupa di user experience design (UX) deve comprendere le necessità e i desideri dell’utente, in modo da poter  progettare un prodotto che soddisfi tali esigenze.

L’user experience design è una professione molto richiesta al giorno d’oggi e lo sarà ancora di più nei prossimi anni, visto che il numero di clienti che compra online è in netto aumento. Avere nel proprio team un UX in grado di progettare e creare prodotti su misura per i clienti apporta un vantaggio fondamentale per l’azienda.

Infatti, più un prodotto offre un’ottima esperienza utente e più è probabile che venga comprato, utilizzato e raccomandato agli altri.

Come diventare UX Designer?

Per entrare nel campo dell’UX Design, non c’è un percorso di studi lineare, ma per avere delle conoscenze solide è importante essere  laureati in discipline correlate come design, informatica o psicologia.

Partecipare a corsi, workshop e conferenze per imparare le basi e rimanere aggiornato.

Acquisire competenze tecniche su strumenti come Adobe XD o Figma e sviluppare abilità di ricerca utente. Costruire un portfolio diversificato con progetti personali. Cercare opportunità di lavoro o stage in aziende UX.

Un consiglio importante è quello di non peccare di presunzione e continuare ad imparare a formarsi per rimanere competitivo ed essere flessibili e adattabili in un campo in continua evoluzione.

Esistono tanti validi istituti e corsi dove formarsi, i quali forniscono conoscenze e competenze per poter svolgere questo tipo di lavoro.

Ecco una lista dei tre migliori:

Conclusioni

In conclusione, l’UX Design offre un mondo di opportunità per coloro che desiderano creare esperienze digitali significative e coinvolgenti. Con una formazione solida, competenze tecniche affinate e un portfolio diversificato, è possibile entrare con successo in questo campo in rapida evoluzione. Tuttavia, l’apprendimento non finisce mai: è importante rimanere aggiornati sulle ultime tendenze, continuare a migliorare le proprie competenze e rimanere flessibili di fronte alle sfide emergenti. Con dedizione e passione, è possibile creare esperienze utente straordinarie che lasciano un’impronta duratura.